Come ottenere un titolo perfetto per il tuo post

Il titolo dei nostri post è importantissimo, attira e invoglia l’utente a leggere il nostro testo: scegli bene le parole e le forme giuste da usare!

come ottenere un titolo perfetto

Quanto tempo passi a scegliere il giusto titolo per il tuo post? Se la risposta è un laconico “non saprei”, vuol dire che non gli dedichi abbastanza tempo e attenzione!

Personalmente dedico al titolo (H1) molto tempo.

Analizzo quale parola chiave inserire all’interno, come renderlo “accattivante” e cerco sempre (quando possibile) di creare un titolo che segua una delle seguenti forme:

Titolo utile: è il titolo da usare per i post che aiutano il lettore a risolvere un problema. Partire con un “come fare” farà capire subito all’utente che leggendo l’intero articolo avrà una soluzione al suo quesito.

Titolo a elenchi: rispecchia il contenuto del post ed è molto efficace. “5 metodi per”, “10 risorse utili per” e via dicendo, il titolo a elenchi è un’esca formidabile e spesso riesce a spronare la curiosità di chi legge, portandolo a visitare il nostro articolo.

Titolo allarmista: mette in primo piano un pericolo, un problema che teoricamente potrebbe presentarsi all’utente. “Ecco perchè il tuo business non sta avendo successo”, o ancora, “5 errori che commetti quando crei un post pubblicitario su Facebook” (in questo esempio è presente una combo “titolo a elenchi” + “titolo allarmista“).

Titolo a domanda: incuriosisce e spinge il lettore ad aprire il nostro articolo per conoscere la risposta alla domanda stessa. “Sai perché la tua connessione ADSL è lenta?”

Titolo con vantaggio: un must have per gli e-commerce. Mette in evidenza una specifica offerta, promozione/iniziativa conveniente e/o appetibile al lettore. “Da noi la spedizione è sempre gratuita! Scopri di più”.

Ovviamente il successo di ciò che scrivi è direttamente proporzionato alla qualità che offri nei tuoi contenuti:

titolo perfetto

usare un titolo efficace che conduce ad un contenuto spoglio, copiato o in generale di scarsa qualità, spingerà l’utente ad abbandonare in fretta e furia il tuo sito/blog, generando un’ uscita precoce che ti costerà la perdita di un potenziale lettore “fidelizzato”. In tutto ciò andrai ad aumentare il bounce rate (Bounce Rate è un termine utilizzato nell’analisi di traffico sui siti web. Un bounce avviene quando l’utente abbandona il sito dopo aver preso visione di una sola pagina web entro pochi secondi. Fonte: Wikipedia), il che non è ovviamente buona cosa.

Detto ciò è bene tenere a mente che un titolo deve essere breve, coinciso, diretto.

Di seguito 2 esempi, il primo è nella sua giusta forma, rispetta quindi le regole appena citate, il secondo è tuttò ciò che di sbagliato tu possa fare nella costruzione del tuo titolo:

Recensione Windows 10: pregi e difetti

Finalmente Windows 10 sbarca sui nostri pc: i pregi ed i difetti nella recensione di webcultura.it

Come puoi vedere il titolo è breve, coinciso, ha la parola chiave al suo interno (recensione Windows 10) e riassume bene l’argomento di cui si andrà a scrivere.

E se il titolo non bastasse?

Infatti, il titolo non basta! Oltre ad esso occorre utilizzare un buon sottotitolo (H2) che arricchisca e valorizzi le informazioni brevi e coincise dell’H1.

Riprendiamo l’esempio sopra citato e valorizziamo le informazioni:

Recensione Windows 10: pregi e difetti

Abbiamo testato a fondo il nuovo S.O. di casa Microsoft, Windows 10: come si comporterà “Cortana”? Riuscirà a conquistare i nostri pc?

Ora abbiamo il nostro titolo “perfetto”, ben supportato dall’H2. A questo punto non dobbiamo far altro che rimboccarci le maniche e iniziare a scrivere il nostro articolo di qualità!

Ovviamente niente raggiunge la perfezione, tutto è migliorabile, magari il nostro titolo non sarà “il titolo perfetto”, ma, ad ogni modo, seguirà i giusti criteri per attrarre e catturare l’attenzione dell’utente navigatore del web (sempre più esigente, frettoloso e sommerso di contenuti: devi diversificarti dalla marea di contenuti “copia/incolla” presenti in rete!).

L’articolo si conclude qui, se hai domande non esitare a lasciare un commento!

Buon proseguimento su webcultura.it!

Roberto Gianpiero Protano

Rispondi