yalıkavak Escort Didim

Lavorare da casa con un blog: quanto si guadagna?

Quanto si guadagna lavorando con un blog? Questa è la domanda che tutti ci poniamo dopo aver costruito con cura il nostro sito. Perché una cosa è certa: il blog può generare guadagni, da pochi euro mensili a cifre di tutto rispetto. Il difficile è comprendere come un lavoro del genere può trasformarsi in un rendita costante considerando che non basta la bravura dell’autore e nemmeno l’aumento costante del traffico giornaliero.

Prima di tutto è importante considerare un importante vantaggio, la produzione online permette di essere in qualunque luogo del mondo, quindi puoi avere un lavoro da casa ma anche lavorare sulla cima di una montagna in una casa desolata, i tuoi strumenti principali per lavorare sono due: un buon personal computer ed una buona connessione internet.

Parola d’ordine: monetizzare

Una delle prime parole che impari a conoscere appena iniziata la tua carriera di lavoro da blogger è monetizzare, ovvero rendere attivo economicamente il tuo sito. Secondo recenti ricerche sono ben il 64% i blogger italiani che riescono a tirar fuori somme discrete dal proprio operato in rete.

Nel web e nella realtà vengono proposti vari corsi su come diventare blogger, come lavorare con il proprio blog oppure diventare un influencer, ovvero una persona capace di influenzare l’opinione dei consumatori. Quella che era nata come un’attività di svago e condivisione, sta diventando una vera e propria professione.

A volte tali corsi sono fuorvianti perché sembrano proporre il tocco di re Mida. Lavorare con un blog è possibile ma assolutamente non facile. Occorre guardare alla propria attività con piglio imprenditoriale e stabilire obiettivi intermedi e traguardo finale. Mentalità da manager? Sembra proprio di si!

Provenienza dei guadagni di un blog

Magari ti stai chiedendo come può un blog generare guadagno. Le principali fonti sono 4 e sono denominate fonti di guadagno diretto:

  • Banner pubblicitari
  • Annunci pubblicitari testuali
  • Programmi di affiliazione
  • Recensioni e articoli sponsorizzati
  • Vendita di guest post

Questo è il nucleo che devi tener ben presente quando pianifichi la tua strategia lavorativa. Ma anche qui devi stare attento a mantenere un equilibrio ragionevole tra contenuti e banner in quanto Google infatti penalizza seriamente le pagine farcite di pubblicità.

Accanto alle fonti dirette possiamo collocare quelle indirette.

Una su tutte: se sei un vero esperto nel tuo settore lavorativo puoi essere contattato da un’azienda, uno sponsor che desidera avvalersi delle tue competenze e conoscenze. Non dimenticare infatti mai una cosa: il blog è un formidabile biglietto da visita.

Quanto si guadagna con un lavoro da blogger?

Puoi smettere di lavorare e vivere dei proventi del tuo blog? Puoi mollare tutto e decidere di avere un lavoro da casa o addirittura diventare un nomade digitale? Pochi fortunati ci riescono. In generale però possiamo affermare che, con una strategia accurata e oculata, puoi tirar su delle discrete somme che servono a integrare la tua entrata principale.

Secondo uno studio condotto da Technorati i blogger sono la terza risorsa più importante per i consumatori, una specie di ipse dixit del terzo millennio. Un dato che incoraggia chi crede fortemente nella sua passione e soprattutto è un esperto nel suo campo.

Sempre la stessa ricerca ha evidenziato come le piccole community riescano ad essere più influenti delle grandi. La conseguenza? Il blogger viene ascoltato e soprattutto seguito ma a una condizione: che sia bravo e realmente competente.

Questo è il punto fondamentale dal quale partire. Blogger non si nasce si diventa ma non tutti possono diventare dei futuri influencer così, come per magia. Occorre studiare, darsi da fare e pianificare, come abbiamo visto, le proprie mosse.

Autorevolezza del tuo operato

Circa dieci anni fa bastavano un programma di affiliazione e due o tre banner con Google AdSense per guadagnare qualche cifra. Oggi le cose non stanno più così anche se puoi comunque sfruttare queste risorse di guadagno diretto, soprattutto se il tuo blog conta un discreto numero di visitatori unici giornalieri.

Cos’è che genera realmente il guadagno attraverso il blog? L’autorevolezza ovvero la tua competenza in quel determinato settore. Se i tuoi pareri sono importanti, pratici e rispondono alle esigenze del consumatore puoi diventare ben presto una figura di riferimento.

La monetizzazione 2.0 del blog si basa sul content marketing, definito dagli esperti il ramo più importante del marketing stesso. In sostanza, se sei un vero esperto della materia sia essa la cucina, o la lettura, o l’informatica, puoi creare testi di alto valore e contenuto finalizzati all’acquisizione di nuovi clienti.

Conclusioni

Alla fine di questo excursus ti saranno ormai chiare alcune cose. Non creare un blog generalista ma investi nella tua passione. Una famosa citazione dice:

“trova il lavoro che ti piace e non lavorerai neanche un giorno”

I blog più gettonati sono quelli che trattano argomenti di high tech, ricette, bellezza, moda e viaggi. Non dimenticare nemmeno gli “How To” ovvero quei siti che aiutano i consumatori a risolvere le piccole e grandi problematiche quotidiane.

Devi anche tener conto che ogni argomento può avere richieste pubblicitarie differenti, ad esempio se parli di trading o assicurazioni ti troverai ad avere anche guadagni potenziali di 20€ a click, se parli di bambole forse arrivi a 0,15€ a click.

Per lavorare con un blog ricorda:

  • La pubblicità è nemica dei contenuti. Posiziona soltanto uno o due banner sulle tue pagine e soprattutto inerenti al tuo settore di competenza.
  • Dedica almeno due ore al giorno al tuo blog per iniziare ed aumenta man mano il tempo, ci sono blogger che lavorano anche 8 ore al giorno.
  • Sii disposto a investire una certa cifra per: acquistare il dominio, un hosting, e i plugin di miglioramento per il tuo sito, guest posting, ecc..
  • Fatti conoscere, allaccia relazioni con blogger più famosi di te
  • Usa i social e tieniti in contatto con i tuoi lettori
  • Formati e studia, in particolare impara tecniche di posizionamento seo e di social media marketing
  • Studia tecniche di affilite marketing e trova i migliori canali di affiliazione
  • Migliora il tuo stile di scrittura in base ai tuoi lettori

Un guest post di Lorenzo De Santis

Rispondi