bodrum escort Escort bodrum

Come proteggere la vista davanti al computer

Il computer è ormai un mezzo di lavoro presente in moltissime attività moderne, moltissime persone infatti passano parecchie ore della propria giornata davanti ad uno schermo sia per lavoro sia per svago, ma dove piacere e lavoro si incontrano, un occhio di riguardo alla salute della nostra vista non fa mai male.

Lavorare al computer non è sicuramente dannoso per la salute solo per l’azione sedentaria del nostro corpo e per l’immobilità degli arti, ma anche molto pericoloso per la nostra vista, che deve sopperire potenzialmente ogni giorno a moltissimo stress.

Occhi stanchi davanti al pc

Non è così raro avere sintomi come occhi rossi, occhi asciutti e calo della vista alla sera se passiamo gran parte della nostra giornata davanti ad un monitor anche di ultima generazione con tutte le caratteristiche del caso.

La complicazione è data dal tempo che passiamo durante il tempo libero che dovrebbe aiutare i nostri occhi a rilassarsi invece viene impiegato per vedere film sul tablet, giocare allo smartphone o comunque attaccati ad una fonte di raggi diretti.

Dopo aver letto l’articolo proposto da supercellulari.it sui migliori monitor per la vista abbiamo cercato di raccogliere i maggiori fattori che comporta il rimanere parecchie ore davanti al computer e anche i possibili rimedi che possiamo utilizzare per evitare di avere problemi alla vista con una permanenza continua davanti ai monitor.

Uno dei rimedi che sicuramente è alla disposizione e portata di tutti sono sicuramente gli occhiali che riflettono la luce blu, ne possiamo trovare di moltissimi modelli e ormai anche le normali lenti da vista sono dotati di questo trattamento che può aiutare a non affaticare la vista davanti al computer o qualsiasi altro dispositivo che emetta luce attiva.

Quali sono i sintomi della sindrome da visione o computer vision syndrome?

La sindrome da visione al computer o sindrome da schermo elettronico, detta talvolta anche stanchezza cronica da schermo, è il termine con il quale si è definita la sindrome di affaticamento causata dall’uso prolungato di schermi elettronici e della luce blu intensa da essi emessa. Insorge in coloro che sono soliti trascorrere più di 7-8 ore al giorno davanti ad uno schermo sia per lavoro o sia per svago come molti ragazzini ultimamente, potete approfondire questo argomento consultando la scheda pubblica sulla sindrome da visione su wikipedia.

Solitamente i primi sintomi si manifestano da 1 a 3 anni dopo l’esposizione, ma volendo possono essere anche più gravi di quelli descritti in questo articolo, cercate quindi di mettervi in condizione di evitare che questi danni diventino permanente.

Ecco i sintomi della sindrome da visione

Come tutte le malattie moderne, la sindrome da visione non è molto conosciuta dalla maggior parte della popolazione, ma gli effetti devastanti che si possono provare sulla nostra salute sono molto gravi.

– mal di testa o emicrania diffusa anche una volta spento il computer
(L’emissione di
luceblu può provocare una fortissima emicrania che può perdurare anche per giorni e anche dopo ore dalla disconnessione del computer, questi mal di testa possono venire accentuati anche dall’utilizzo dello smartphone di notte al buio, situazione che stressa maggiormente gli occhi).

– secchezza degli occhi e visione offuscata
(Gli occhi, anche dopo qualche ora possono mostrare segnali di secchezza e di vista offuscata, in questo caso il nostro consiglio è quello di mantenere gli occhi idratati con un collirio in modo da aiutare l’occhio a rimanere umido).

– dolore al collo e alla spalla dovuti alla posizione di lavoro
(Cercate di mantenere una posizione ergonomica al computer, utilizzando sedie che possono mantenere la vostra schiena in una posizione comoda e non in affaticamento).

– sensibilità alla luce
(Le immagini e le luci possono complicare la salute dei nostri occhi provocando danni anche irreparabili come la sensibilità alla luce, cerca di usare occhiali schermati e di adottare schermi per il computer di ultima generazione).

Questi sono i sintomi che maggiormente possiamo riscontrare con un abuso quotidiano della nostra permanenza davanti ad uno schermo sia di computer sia di uno smartphone, un grosso problema per chi lavora quotidianamente con un computer, questi sintomi non vanno presi sottogamba, e anche in assenza di sintomi bisogna cercare di mettere in pratica tutte le azioni per evitare l’insorgere di questi problemi.

La luce blu è dannosa per la nostra salute

Numerosissimi studi hanno dimostrato che la luce blu degli schermi influisce pesantemente sulla nostra salute, portando i nostri occhi ad una non naturale accelerazione del processo di invecchiamento della retina.

Oltre ai danni fisici all’occhio, la luce blu danneggia pesantemente anche il sonno e il comportamento, causando pesanti disturbi sia nel pre sia nel post sonno con mal di testa ed emicranie che possono perdurare anche giorni.

Visto che però non possiamo rinunciare al lavoro al computer, vogliamo insegnarvi qualche trucco per aiutare i vostri occhi a non soffrire i danni della luce blu.

1) Abbassare le luci della stanza dove lavorate

Lo schermo del computer deve essere il punto luce più luminoso della stanza, se possibile, sarebbe meglio spegnere o ridurre le luci intorno della stanza o dell’ufficio.
Essendo la luce della stanza inferiore a quella del monitor, potrete con questo trucco abbassare anche la luminosità del vostro schermo, non dovendo sforzare gli occhi davanti allo schermo.

2) Ridurre l’esposizione alla luceblu

La luce blu è assodato che provochi grossi disturbi alla vista, evitate quindi di mettervi al computer fino a 2 ore prima di andare a dormire, cercate di far riposare e idratare gli occhi in modo da evitare secchezza notturna e al risveglio.
Esistono programmi gratis che vi possono aiutare a regolare
l’esposizione alla luce blu sia per computer che per smartphone con una regolazione automatica della luminosità dei dispositivi.

3) La famosa regola del 20-20-20

Guardare lontano dal computer o dallo schermo ogni 20 minuti, mettere a fuoco un oggetto distante almeno 20 metri di distanza per almeno 20 secondi in modo da distogliere la vista dal punto fisso del computer, anche per questo esistono dei programmi che vi segnalano che è il momento di fare una pausa al computer dal vostro lavoro. In generale ogni ora sarebbe il caso di alzarsi e fare qualche passo per aiutare il corpo a stendersi e muovere i muscoli che potrebbe risultare “Addormentati” dalla lunga posizione al computer.

4) Mantenere una posizione corretta al computer

Davanti al computer cerchiamo sempre di mantenere la posizione più comoda davanti al computer, e molte volte la posizione più comoda per il nostro corpo è anche quella più dannosa per la nostra schiena. Oltre a comprare delle sedie ergonomiche e di qualità, dovrete alzarvi ogni tanto per sgranchire il vostro corpo e permettere la corretta circolazione del sangue alle gambe e al resto del corpo.

5) Imparate ad ascoltare il vostro corpo

I ritmi serrati della vita lavorativa, costringono il nostro corpo a dolori e posizioni che a volte possiamo confondere con dolori da affaticamento o per via delle ore lavorative, ma se notate uno dei sintomi sopra descritti, cercate quindi di prendervi del tempo per voi stessi e per il vostro corpo in modo da non andare a peggiorare la vostra salute.

Lavorare al computer oggi e sempre più domani sarà fondamentale in gran parte dei lavori, cercate quindi di mantenere la vostra vista in salute e aiutarla in caso di stress, imparate ad ascoltare il vostro corpo e tutti i segnali che esso continua a darvi durante le ore di lavoro. Mettete in pratica tutte i consigli necessari per non dover correre al riparo anni dopo quando i danni sono già importanti e irrimediabili.

Lascia un commento